Omicron 5, el arma antiviral contra el boom del verano. “Ma non li prescribe”

L’ondata estiva del Covid non accenna a rallentare. Ieri, secondo i dati del Ministero della Salute, sono stati individuati altri 79,920 nuovi casi grazie a 303,848 tamponi; Se tasso di positività venta al 26,3%.
Aumentano anche i posti letto ordinari covid (+180) y quelli in terapia intensiva (+6). Altre 44 persone hanno perso la vita. Epure, per evitare malati gravi e morti ormai le cure ci sono: oltre alla profilassi sono disponibili infatti i drug antiviral molnupiravir (Lagevrio) and Paxlovid (nirmatrelvir-ritonavir). Ma sono pochissimi a utilizzarli: come ha spiegato Giorgio Palù, presidente di Aifa, l’agenzia italiana del farmaco, sono 600mila le confezioni di Paxlovid preordinate, mentre solo 21mila quelli somministrati. Anche se, in realtà, l’operazione è molto semplice. Basta chiedere al proprio medico e farsi somministrare il farmaco, naturalmente se si rientra nelle categorie a cui può essere prescrito.

yo farmaco

Paxlovid, che ha dimostrato maggiore efficacia, è indicato per adulti che non necessitano di ossigenotherapplementare e hanno un elevato rischio di ammalarsi in maniera grave. En sostanza, possono usare Paxlovid i pazienti affetti da oncologiche patologie, malattie cardiovascolari, quell con diabetes mellito non compensato, broncopneumopatia cronica, oppure obesità grave. Una platea, alla fine, piuttosto ampia: chiunque può chiedere al proprio medico se rientra tra i beneficiai. Dallo scorso 21 abril, infatti, lo possono prescribe anche i medici di medicine generale: l’important però è farlo entro 5 giorni dalla positivity del paziente e dopo aver compilato un piano terapeutico, per il momento solo cartaceo. Il meccanismo, dunque, è chiarissimo. Ma poi, all’atto pratico, qualcosa si incappa. Venga ha denunciato recientemente anche il virologo Roberto Burioni. ¿Cuántos? Silvestro Scotti, secretario general della Federazione italiana medici di medicina generale, spiega: “Il paxlovid può avere interazioni con altri farmaci e quindi, prima di prescriberlo, bisogna capire se il paziente asumir altri farmaci che possono essere sospesi per qualche giorno”.
Nulla che non si possa superare, o risolvere, in pochissimi minuti. Altra accortezza, quella della capacità renale del paziente. L’importante è avere a disposizione analisi del sangue aggiornate: se non le si hanno, basta recarsi nel primo centro di analisi a disposizione. Ma nella maggior parte dei casi, le cose marciano molto più spedite. Se si è positivi, ci si rivolgere al proprio medico, o addirittura in un ospedale pubblico e si può iniziare sudo la cura con gli anti-virali. Purtroppo, come semper, ci si è messa di mezzo anche la burocrazia. “Siamo stati informati – rimarca Scotti – con un po’ di ritardo delle decisioni dell’Aifa”.

el se recuperara

Ritardi che, in parte, si sta cercando di recuperare. Nelle ultimate due settimane, dal 30 giugno al 6 luglio, stando al report di Aifa, le richieste di molnupiravir (Lagevrio) sono aument del 10.44%, que di Paxlovid del 33.07%. “Finalmente, es un ligero incremento de la prescripción – osserva Fabrizio Pregliasco, professore di Igiene generale e applicata dell’Università degli Studi di Milano – Servirebbe però una sorta di acompañament dei medici di medicina generale perché spesso osserviamo una non tranquillità da parte loro a prescribir, per i posible effectti colaterali nel caso vengano assunti insieme ad altre tipologie di farmaci. Ma se vogliamo cierra gli effetti weighti di questa pandemia sugli anziani ei fragili questo scoglio dobbiamo superarlo al più presto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

.

Leave a Comment